INTERNO POMPEIANO, Gubbio

Palazzo Ducale

Luigi Spina è un fotografo che ha fatto del metodo e dell’attenzione la cifra del suo lavoro. I suoi progetti sono soprattutto guidati dall’obiettivo di scandagliare un contesto, un paesaggio, un fenomeno attraverso campagne fotografiche seriali, dove però ogni scatto acquisisce una propria autonomia. Con questo sguardo Spina si è dedicato all’indagine degli interni di oltre centoventi domus a Pompei, durante la chiusura al pubblico del Parco Archeologico.

Il corpus di oltre 1450 scatti ha dato vita al progetto editoriale “Interno Pompeiano”, pubblicato dalla casa editrice 5 Continents Editions, un libro di quasi 300 fotografie a colori in grande formato, da cui sono stati estratti gli scatti esposti al Palazzo Ducale di Gubbio.

L’idea di accogliere la mostra in questo luogo è ispirata al fatto che il Palazzo ospiti – seppure ricostruito – uno degli studioli di Federico da Montefeltro, uno spazio di meditazione pensato su forme e iconografie che possono facilmente costruire uno stretto dialogo con gli interni pompeiani. È senza dubbio il contesto antico ad aver ispirato Francesco di Giorgio Martini nel disegnare le tarsie che rivestono interamente le pareti, proprio come gli affreschi delle domus pompeiane. L’idea che un interno possa diventare la superficie su cui proporre storie, simboli ed immagini evocative di chi lo abita grazie alla costruzione di scatole prospettiche, compie così un viaggio attraverso i secoli, che a Gubbio offre molti spunti di riflessione.

Il Salone di Corte si presenta come la cornice migliore per valorizzare le immagini di Spina, che aprono finestre su un passato estremamente contemporaneo, in cui si può cogliere la raffinatezza di ambienti e forme modellati dalla luce che cambia durante il giorno, così da rendere ancora più vivi spazi che da millenni hanno perso la loro funzione, per acquisirne una nuova.

Data: 01/07/2024 - 06/10/2024

A proposito del libro